Benvenuto!
Pubblicità

Aglio rosso

Categoria :

Ortofrutticolo

Ingredienti:

Aglio

Peculiarita':

L'aglio e' una liliacea perenne(annuale nelle colture) a bulbo composto di vari bulbilli (spicchi) raccolti in tuniche cartilaginee. Il gruppo varietale dell'aglio a bulbo rosa comprende il Rosso della provincia dell'Aquila, molto pregiato. Le principali Peculiarita': della pianta, erbacea, bulbosa, ala circa 60-70 cm, sono i fiori biancastri o rosacei portati in un ombrella semplice alla cima dei fusti ed il bulbo prolifero. Queste le Peculiarita': del genere "allium". L'aglio di Sulmona rientra tra gli agli rosa ma ne differisce per le maggiori dimensioni dei bulbi, aroma e sapori tipici molto forti. L'aglio rosso e' consistente, con bulbi interi e di forma regolare.

Zona/e di produzione:

 Tutta la Regione.

Metodologie:

L'aglio esige climi temperati ed asciutti, terreni leggeri, ricchi, permeabili e ben lavorati. Si propaga per bulbilli, raramente si riproduce per seme. Il bulbillo, interrato con la punta verso l'alto per 3-5 cm., si dispone in file distanti 30-40 cm e a 8-10 cm sulla fila. L'epoca di semina e' l'autunno, nei mesi di ottobre-novembre, e la raccolta si effettua in primavera. Durante la vegetazione, si sarchia, si innaffia e si interviene con gli azotati.

Testimonianze:

Sicuramente tra le piante aromatiche piu' utilizzate in cucina, l'aglio vanta una storia antichissima. Alcuni glottologi sostengono che il temine "aglio" derivi dal celtico "all" che significa bruciante, piccante. Sulle sue origini esistono tuttora diverse ipotesi. L'aglio sarebbe originario dei deserti dell'Asia centrale ed e' giunto in Europa attraverso l'Asia Minore e l'Egitto. Presso i Romani l'aglio era considerato cibo per soldati, marinai ed atleti perche' si riteneva ne aumentasse la forza fisica. Plinio lo cita in molte ricette mediche. Nel Medioevo divenne celebre il detto popolare: "Il mortaio puzza sempre di aglio".

Commenti:

L'aglio rosso e' un cultivar tipico dell'Abruzzo, coltivato nella valle Peligna (zona che comprende, tra gli altri, i comuni di Sulmona, Raiano, Popoli; Pettarano) nella Piana del Tirino. La produzione dell'aglio rosso e' di circa 17-21 quintali. I bulbi destinati alla vendita diretta si raccolgono in lunghe trecce. Per il mercato, e' importante la selezione dei bulbi: al consumo diretto sono destinati i bulbi medio-grandi. Il prodotto per la trasformazione e' costituito da bulbi di media pezzatura. La commercializzazione avviene per vendita diretta degli agricoltori della zona ed ambulanti o mercati di zona. L'Associazione Italiana Cooperative Agricole (AICA) si interessa della commercializzazione del prodotto con l'estero.

Nella cucina l'aglio puo' essere usato tanto crudo, quanto cotto. Spesso, per assaporare il solo aroma, lo si cuoce in olio o in sughi per un certo tempo e lo si elimina quando ha espletato la sua funzione aromatica; come elemento base si usa in estratto, poltiglia, o macerato; come farmaco in pillole, decotti, impiastri, decotti, pomate. L'aglio e' ricercato nella cucina mediterranea e trova frequente impiego nei sughi a base di pomodoro soprattutto nel Sud, ma anche in varie salse e nell'aromatizzazione di preparati di carne. Oltre che come spezia trova discreto apprezzamento nella farmacopea per alcune proprieta' quali quella ipotensiva e cardiovascolare, antisettica ed espettorante; antidiarroica ed infine antibiotica.

Home
Back
Print
Send
Adv
Adv