Benvenuto!
Pubblicità

Lattuario nero

Categoria :

Ortofrutticolo

Espressioni dialettali:

Regina nera, Olivettona, Mennavcaca.

Ingredienti:

Uva.

Peculiarita':

Il grappolo e' tipicamente piramidale, alato con un peso medio di 300 gr. Gli acini pesano in media piu' di 6 gr., sono ovuli con buccia spessa, resistente di colore blu, tendente al violaceo. La polpa e' croccante, con sapore neutro e un contenuto in zuccheri di circa il 16%. Ogni acino contiene due grossi vinaccioli. L'acidita' totale media e' del 9,1 per mille. Come tutte le uve e' ricca di sali minerali (potassio, calcio, magnesio) e ha una dotazione di vitamine media (vitamine del gruppo B e vitamina C). l'apporto calorico e' variabile, in funzione del grado di maturazione e va dalle 250 alle 700 calorie per chilogrammo.

Zona/e di produzione:

Calabria orientale.

Metodologie:

Le tecniche di produzione non si discostano da quelle Peculiarita': per le varieta' di uva da tavola industriali. Predilige forme di allevamento espanse e una potatura lunga. Ha discreta resistenza alle comuni malattie della vite (peronospora, botrite, oidio). La maturazione e la raccolta coincidono con la seconda decade di settembre. Ha la caratteristica di conservarsi bene anche sulla pianta.

Poco diffusa nei grandi mercati nazionali, risulta ancora oggi ben presente a livello locale nell'area originaria di diffusione della varieta' (la parte costiera della Calabria che va da Rossano a Crotone) e in alcune zone della Puglia. Non esistono dati ufficiali sulla consistenza della produzione che puo' essere stimata attualmente in qualche centinaio di tonnellate annue.

Testimonianze:

E' una vecchia varieta' locale che ha ancora una certa diffusione in aziende di piccola media dimensione. Viene coltivata soprattutto per autoconsumo e per la vendita nei mercati locali. Una certa percentuale e' avviata all'esportazione (nel 1985 ne sono state esportate circa 2.000 tonnellate). L'origine e' sconosciuta. Dalla regione di origine (Calabria) si era un tempo diffusa in altre zone del sud Italia e ancora oggi risulta presente in alcune zone della Puglia. Rimane comunque una cultivar tipicamente calabrese.

Commenti:

E' un'ottima uva da tavola, apprezzata soprattutto localmente che, grazie alla buccia spessa e resistente, presenta una discreta resistenza al trasporto e alla conservazione.

Home
Back
Print
Send
Adv
Adv