Benvenuto!
Pubblicità

Pomodoro Piacentino

Categoria :

Ortofrutticolo- fresco

Ingredienti:

Cultivar utilizzate:

1) Genovese o Nizzarda- Tipico pomodoro piacentino per conserva, fu coltivato fino agli anni 60. Richiedeva il sostegno di palrtti e filo.

2) Lampadina- coltivata dagli anni 20 fino al 60, rappresentava i pregiati pelati piacentini. Richiedeva il sostegno di paletti e filo.

3) Tondoliscio- Varieta' tipica dell'orto destinata al consumo diretto. Sono rimasti dei piccoli appezzamenti di coltivazione a Montagnano e nella valletta di Chiavenna .

Richiede il sostegno di paletti e filo.

4) Medea- Varieta' di recente introduzione. Coltivata a terra, si presta alla raccolta sia manuale, che meccanica.

5) Cora, di recente introduzione, e' adatta alla raccolta meccanica.

Peculiarita':

A parte le differenze varietali, le Peculiarita': del pomodoro piacentino sono: Buccia resistente, polpa soda e colore rosso vivo. E' un prodotto che viene utilizzato in varie maniere, dalle piu' semplici(consumo fresco) alle piu' elaborate, che sono descritte in molte ricette locali.

Zona/e di produzione:

Provincia di Piacenza

Metodologie:

Il pomodoro puo' essere utilizzato sia fresco, o per produrre la "conserva", che e' un noto sistema di conservazione del pomodoro dopo la bollitura. Una volta le conserve erano prodotte secondo un semplice sistema artigianale, mentre il sistema industriale, cominciato agli inizi del900, si e' tecnicamente evoluto fino ai giorni nostri.

La tecnica di lavorazione prevede un rapido passaggio a 120C, un immediato raffreddamento a 45C, ed il condizionamento in ambiente asettico.

Commenti:

E' in atto un progetto per la costituzione di un consorzio per la valorizzazione del "pomodoro tipico di Piacenza e Parma" con l'istituzione di un marchio di qualita'. La Regione Emilia Romagna sta realizzando un disciplinare di produzione del pomodoro da industria e da mercato, che potra' essere utilizzato come per l'attuazione di una IGP.

Home
Back
Print
Send
Adv
Adv