Benvenuto!
Pubblicità

Lasagne verdi

Categoria :

Pasta fresca

Ingredienti:

Farina di grano tenero, uova, spinaci o bieta.

Peculiarita':

Pasta lunga all'uovo di forma rettangolare. Rettangoli di 10X15 cm. Circa, di colore giallo piu' o meno intenso.

Zona/e di produzione:

Tutta la Regione

Metodologie:

Oggi le lasagne vengono confezionate con farina di grano tenero ed uova. La farina viene impastata fino a completa amalgama degli ingredienti. Si lascia riposare l'impasto per alcuni minuti, poi si spianano le sfoglie con il mattarello fino ad ottenere una pasta sottile. Si taglia in strisce rettangolari di cm. 10X15 circa. Prima di metterle in teglia con la salsa vengono scottate in acqua bollente. La produzione si protrae per tutto l'anno.

Testimonianze:

Nella prima edizione del vocabolario degli Accademici della Crusca (Venezia 1612) alla voce lasagne si legge: "pasta di farina di grano, distesa sottilmente sopra graticci e secca, per cibo". I graticci, come strumento di essiccazione, sono spesso nominati negli inventari di beni mobili, segno evidente della popolarita' delle lasagne, che possono considerarsi insieme ai maccheroni, la piu' antica delle paste lunghe. Nel vocabolario domestico del Carena (1853) si tenta un ulteriore divisione delle paste in "lunghe e piene" ed in "torde": delle prime farebbero parte le lasagne, i nastrini e le strisce, delle seconde, invece, i vari tipi di vermicelli e le altre paste tonde. A riprova della vetusta eta' delle lasagne, si segnala un documento del 1363, ritrovato in Liguria, che tira in ballo una "Caza lasagnaria" dove, in dialetto ligure, "caza" sta per mestolo, ossia un mestolo bucato adatto atirar su lasagne.

Commenti:

Vengono consumate a strati, cotte, condite con salsa besciamella e ragu' di manzo o pomodoro.

Home
Back
Print
Send
Adv
Adv