Benvenuto!
Pubblicità

Castagnole

Categoria :

Prodotto da forno.

Espressioni dialettali:

Castagnedde, Ka'stano'le

Ingredienti:

400 gr. di farina, 70 gr. di burro, 50 gr. di zucchero, un pizzico di sale, una bustina di lievito in polvere, un bicchiere di vino dolce, 4 uova, olio o strutto per friggere, zucchero vanigliato per spolverizzare.

Peculiarita':

Pallottole di pasta con uova, fritte ed inzuccherate.

Zona/e di produzione:

Tutta la Regione.

Metodologie:

Sulla spianatoia si mescolano: la farina, lo zucchero, un pizzico di sale, la vanillina ed il lievito; vi si uniscono le uova, il burro ammorbidito ed il vino dolce. Si lavora energicamente la pasta (che deve risultare ne' troppo dura ne' troppo molle) per almeno dieci minuti, poi si formano dei cilindri dello spessore di un dito, che si tagliano in pezzetti di circa due centimetri; si appallottolano con le mani e quando sono tutti pronti, si friggono un po' alla volta in padella, in olio molto abbondante. Queste palline devono gonfiarsi molto in cottura e diventare leggere e dorate. Si scolano su carta da pane, si accomodano in un vassoio e si spolverizzano con abbondante zucchero vanigliato.

Testimonianze:

Le "castagnole" sono chiamate così per la forma caratteristica che ricorda quella della castagna. Sono un dolce tipico e tradizionale del Carnevale, festa che, in Italia ma anche negli altri Paesi neolatini, ha conservato una stretta somiglianza con gli antichi "Saturnali", come aveva gia' da tempo intuito il Frazer (in The Golden Bough del 1992). Durante le antiche feste, il popolo preparava ed offriva agli Dei il "laganum" o "globus", una palla dolce, assai vicina, per forma e sapore, alle attuali castagnole. Tali preparazioni erano cotte - almeno secondo quanto ci dice Catone - in un grasso detto "unguentum" e che corrisponde probabilmente al nostro strutto. I dolcetti venivano poi fritti nelle strade e venduti sulle bancarelle vicine ai santuari, un abitudine che nei secoli e' rimasta viva a Roma ove la continuita' con il passato e la stretta corrispondenza tra festivita' religiose, feste popolari e cibi tradizionali, sembra essere ancora oggi particolarmente sentita.

Commenti:

Le castagnole si preparano nel periodo di Carnevale e specialmente nei giorni del giovedì e Martedì grasso. Si accompagnano con vino bianco dolce.

Home
Back
Print
Send
Adv
Adv