Benvenuto!
Pubblicità

Culurgjones de Mendula

Categoria :

Prodotto da forno

Espressioni dialettali:

Culingionis de mazza 'e mendula, Is culurgjones de ricottu, Is culurgjones de bintu.

Ingredienti:

Per la pasta: 750 gr di farina per dolci, 8 cucchiaini da te' di strutto. Per il ripieno: 500 gr di mandorle, acqua di fiori d'arancia, miele, zucchero a velo.

Peculiarita':

Raviolo dolce e friabile, di colore che misura circa 8 cm di diametro con un morbido ripieno di pasta di mandorla a forma di mezzaluna.

Zona/e di produzione:

Tutta la Regione.

Metodologie:

Preparare la paste con gr.700 di farina (meta' farina di frumento e meta' di semolino), mescolata con qualche cucchiaio da tavolo di acqua tiepida e salata. Impastare bene fino ad ottenere un impasto consistente. Lasciare riposare per 10 minuti, poi aggiungere 1 alla volta, 7 o 8 cucchiaini di strutto e continuare ad impastare finche' il composto diventa morbido. Mettere l'impasto tra due piatti a riposare per 12 ore. Nel frattempo preparare il ripieno con 500 gr di mandorle spellate, leggermente tostate e tritate ed unire insieme qualche cucchiaio da tavola di acqua di fiori di arance e miele. Stendere la pasta in una sfoglia sottile e tagliare in dischi di 8 cm di diametro. Porre un cucchiaio di ripieno in ognuno e piegare a formare una mezza luna, chiudendo bene i bordi. Friggere rapidamente in strutto caldo, scolare bene e spolverizzare con zucchero a velo.

Testimonianze:

La civilta' dei Nuraghi della Sardegna segna la nascita della cultura del grano e l'inizio della panificazione da cui deriva la tradizione dolciaria. Nell'antichita' classica la mandorla era particolarmente presente e permane ancora come ingrediente principale in dolci come i culargjones de mendula. Si ritiene probabile che questa tradizione sia un esito culturale di un particolare influsso semitico che arrivo' all'isola attraverso la conquista dei Fenici -punici dell'antica Cartagine. Testi letterari e cronache storiche di tutto il bacino mediterraneo offrono ampia testimonianze di elementari forme di dolci preparati a base di questo frutto di millenaria coltivazione. Nel XIII secolo compare la pasta di mandorla, destinata ad avere uno sviluppo particolarmente significativo nell'arte dolciaria.

MOSTRE E SAGRE

 

Commenti:

 

Home
Back
Print
Send
Adv
Adv