Benvenuto!
Pubblicità

Cotognata

Categoria :

Conserva alimentare.

Ingredienti:

Mele cotogne e zucchero in parti uguali, succo di limone.

Peculiarita':

Mele cotogne cotte ed essiccate al sole. La pasta essiccata ha lo spessore di 1 cm, di colore dorato, ha un gusto dolce acidulo.

Zona/e di produzione:

Tutta la Regione.

Metodologie:

Le mele cotogne sane, mature e ben lavate vengono tagliate in quarti e messe in acqua e limone. Si fanno cuocere in acqua, succo di limone e buccia grattugiata. Dopo la cottura si passa al setaccio aggiungendo una quantita' di zucchero pari al peso della purea ottenuta. Si lascia terminare la cottura avendo cura di rigirare con la spatola di legno per favorire l'evaporazione dell'acqua. Si versa nelle forme esponendole al sole, oppure si stende su di un piano metallico di marmo cosparso di zucchero mantenendo uno spessore di circa 1 cm. Quando la composta e' asciutta si taglia nelle forme volute e si conserva in scatole di latta, al riparo dall'umidita'.

Produzione: a livello familiare, un po' ovunque in tutta Italia. Rinomate quelle prodotte in Sicilia, soprattutto nella zona di Marsala, Nicosia, Caltagirone. Nella zona di Palermo queste cotognate vengono preparate dagli stessi fruttivendoli. Sono circa 200 i quintali commercializzati da questi ultimi.

Commenti:

L'albero del cotogno(Pyrus cydonia) originario dell'Asia centro-occidentale si e' diffuso prima in Europa orientale e poi occidentale. I suoi frutti sono ricordati nella mitologia e nelle leggende dell'antica Grecia dove si attribuiva loro poteri particolari. Alcuni esperti hanno scritto che il pomo disputato da Giunone, Venere e Minerva fosse una cotogna. Solone ricorda che nei riti nuziali le cotogne mangiate dalle giovani spose assicuravano una unione matrimoniale perfetta. Forse per questa atavica convinzione che il cotogno e' così diffuso nel nostro paese, e ancor piu' diffusa e' la cotognata, una sorta di tavolette di marmellate che un tempo la famiglia preparava da sola.

Home
Back
Print
Send
Adv
Adv