Benvenuto!
Pubblicità

Mostarda siciliana

Categoria :

Conserva alimentare

Ingredienti:

Mosto d'uva, farina (20%), cannella, vaniglia (1%), mandorle tostate (30%).

Peculiarita':

Mosto d'uva cotto con aggiunta di cannella, vaniglia e mandorle tostate, di forma varia dal rettangolare al quadrato, hanno uno spessore di qualche millimetro. Il colore e' scuro sul marrone, il sapore e' dolce ed aromatizzato alla vaniglia.

Zona/e di produzione:

Giarratana in provincia di Ragusa, Cottogerone nel catanese.

Metodologie:

Si mette sul fuoco il mosto cotto dopo avervi aggiunto l'amido di farina stemperata in un po' di mosto. Si lascia bollire fino a quando non e' ben addensato, avendo cura di rigirare spesso la massa. Quando e' pronta, si spegne il fuoco, aggiungendo cannella, vaniglia, mandorle tostate. Il composto va versato nelle formelle che si espongono al sole fino a completa asciugatura. Si conserva in barattoli di latta o di vetro con le foglie di alloro.

La produzione ammonta a circa 300 quintali annui provenienti da 10 produttori.

Commenti:

Un tempo si distribuiva, oltre che ai vicini di casa durante la vendemmia, anche come dolce nei battesimi, nelle cresime e nei fidanzamenti. Puo' essere preparata sia con amido che con la farina e la semola, per cui la pasta risulta piu' o meno raffinata.

Home
Back
Print
Send
Adv
Adv