Benvenuto!
Adv
 
Acciuga
Nome scientifico: Engraulis encrasicolus
Ord. CLUPEIFORMI
Fam. Engraulidae
Gen. Engraulis
 
Corpo affusolato, più slanciato della sardina, poco compresso, con la superficie ventrale non carenata. La testa ha un occhio abbastanza grande, coperto da una pellicola dermica. La bocca è molto grande e la mascella inferiore è prominente. I denti sono finissimi e acuti e ne esistono anche sui palatini, sul vomere e sui pterigoidi. Le narici sono situate molto vicine tra loro e la posteriore è più grande.
Esiste una sola pinna dorsale. La codale  è forcuta e più corta della testa e possiede 4 squame oblunghe sul lobo superiore e 3 su quello inferiore. Le squame sono di grandezza media e grande e, come quelle della sardina, molto caduche.
La colorazione dorsale è azzurro-verdastra quando il pesce è vivo, da morto il dorso diviene bleu indaco scuro. Il ventre è argentato. E' una specie migratrice, gregaria in grandi branchi; si avvicina alla costa nel periodo della riproduzione (in primavera). Da settembre a gennaio, si allontana e si affonda tra i 100 e i 150 m. Gli stadi giovanili e anche gli adulti penetrano negli stagni salmastri. Si raduna sotto la luce, ma non sempre e in modo discontinuo. Ha una sola stagine di riproduzione (alla taglia di 9 cm e ad un anno di età) che va aprile a novembre, ma  le deposizioni si verificano in periodi diversi. Le uova, ovoidali, sono pelagiche e si trovano tra la superficie e i 50 m. La durata della vita è di circa 3 anni nel Mediterraneo.
Si nutre di copepodi, misidacei e stadi larvali di decapodi. In inverno si nutre anche di organismi bentonici. Si pesca in enormi quantitativi con reti pelagiche e con la saccoleva. Arriva alle dimensioni di 20cm
In Mediterraneo esiste dappertutto
Home
Back
Print
Send
Adv
 
Adv