Benvenuto!
Adv
 
Aguglia
Nome scientifico: Belone belone
Ord. BELONIFORMI
Fam. Belonidae
Gen. Belone
 
Ha corpo cilindrico un poco compresso lateralmente all'estremità posteriore e affusolato alle due estremità. Il ventre è appiattito e separato dai fianchi da due carene longitudinali abbastanza evidenti. La testa è allungata ed è caratterizzata da uno sviluppo corneo di ambedue le mascelle, a forma di becco, di cui la parte inferiore è nettamente più lunga di quella superiore. La bocca si apre fin sotto al centro dell'occhio ed è armata di denti piccoli acuminati che nella mascella inferiore sono più grandi che in quella superiore. La prima anale è poco più lunga della dorsale e nasce più innanzi per terminare all'incirca alla stessa altezza in vicinanza della codale che è molto forcuta col lobo inferiore leggermente più lungo. Le squame del corpo sono piccolissime.
Colorazione azzurro verdastra sul dorso e bianco argentea con riflessi madreperlacei sui fianchi. Il ventre è bianco. Le vertebre e le spine sono verdi.
E' gregaria più di notte che di giorno ed ha abitudini pelagiche, ma si avvicina notevolmente alla costa. E' attirata dalle sorgenti luminose, nuota a scatti velocissimi e spesso salta fuori dell'acqua. Risale talvolta le acque salmastre e capita nelle lagune costiere. La riproduzione va da febbraio a maggio. Le uova, molto grandi, sono munite di filamenti con i quali si imbrogliano tra loro o si fissano ad alghe, corde o altri oggetti sommersi. Non sono galleggianti. Si nutre di stadi larvali e giovanili di clupeidi e scombridi e di altri organismi animali planctonici. Viene catturata saltuariamente nelle reti di circuizione per le sarde e le alici. Di notte viene pescata con la fiocina o un retino sotto la luce di una lampara. Si effettua pure una pesca con canne, da riva o su barca, con amo superficiale e lombrichi come esca. Puo' raggiungere e superare gli 80 cm di lunghezza.
Comune su tutte le coste.
Home
Back
Print
Send
Adv
 
Adv