Benvenuto!
Adv
 
Aguglia imperiale
Nome scientifico: Tetrapturus belone
Ord. PERCIFORMI
Fam. Istiophoridae
Gen. Tetrapturus
 
Le difficoltà per classificare questa specie dipendono dalla variazione morfologica che si ha nello sviluppo. La famiglia Istiophoridae è presente sulle coste italiane con due specie: Tetrapturus belone e Tetrapturus albidus.
Ha corpo a forma di cilindro (i giovani individui sono più compressi lateralmente) che si restringe verso la pinna codale. Alla base della codale vi sono due piccole chiglie per lato che lo differenziano dal pescespada, che ne ha 1 sola. Altra differenza è la presenza di pinne ventrali.
Il rostro è robusto non schiacchiato.
Le mascelle non hanno denti. Sui palatini  vi sono delle placche munite di piccoli denti.
Le squame sono piccolissime e incapsulate nell'epidermide, tanto da sembrarme privo.
Ha due pinne dorsali: la prima, lunga, ha i primi 4 raggi alti e gli altri che decrescono rapidamente fino agli ultimi quasi nascosti nel dorso; la seconda è separata dalla prima, ha 6 raggi ed è contrapposta alla seconda pinna anale. La codale è molto grande, falcata e semilunare con i lobi stretti. Le pettorali sono corte e falcate. Le ventrali sono sottili, filiformi composte da 1 raggio spinoso e quattro molli saldati fra di loro.
Il colore del dorso è grigio azzurro scuro, quasi nero; fianchi più chiari. Ventre bianco.
E' una specie pelagica migratoria. Si nutre di costardelle, aguglie e clupeiformi.

Nello stretto di Messina da luglio-agosto a settembre vengono catturate con le fiocine dalla passerella delle feluche o con le palamitare.
Puo' raggiungere le dimensioni di 2 metri. Carne ottima.
Presente nel Mediterraneo, nello Jonio, nel Tirreno e nell'Adriatico meridionale

Home
Back
Print
Send
Adv
 
Adv