Benvenuto!
Adv
 
Bavosa adriatica
Nome scientifico: Blennius adriaticus
Ord. PERCIFORMI
Fam. Blennidi
Gen. Blennius
 
Ha corpo allungato, privo di squame, con linea laterale scarsamente visibile. La testa ha profilo anteriore dritto alla sommità e quasi verticale fino alla bocca. Ha guance poco rigonfie, nessun tentacolo sopra-orbitale e narici con appendici dermiche corte ed esili. L'occhio, relativamente grande, è posto in alto col margine superiore dell'orbita appena sporgente sul dorso del capo. La bocca, piccola, ha labbra esili. Su ogni mascella vi sono 24 denti conici, aderenti fra loro, seguiti su ogni lato da un dente più grosso, uncinato e ricurvo indietro.
La pinna dorsale ha la parte anteriore, formata da raggi non articolati, più bassa della parte posteriore e distinta da una incisione mediana, i suoi primi tre raggi sono fortemente ricurvi indietro. I primi 2 raggi dell'anale sono corti, semplici e infissi nel derma. La codale ha il margine posteriore arrotondato. Le pettorali, ampie ed ellittiche, giungono fino all'apertura anale e le ventrali, situate in posizione giugulare, sono poco più corte della testa.
La metà superiore del corpo è di colore bianco giallastro fittamente cosparsa di puntini bruni, sulla quale spiccano sei grosse fasce verticali bruno-rosse, l'ultima delle quali si estende sulla base dei quattro raggi centrali della codale, dove forma una macchia. Le fasce si fermano un poco più sotto della linea mediana del corpo dove appare come una linea continua longitudinale formata da punti bianco-argentei. La metà inferiore del corpo è giallastro sporco. La testa più scura superiormente, è chiara inferiormente, e porta due briglie bruno-rosse. Un'altra macchia bruna è alla base delle pettorali. Le pinne sono tutte trasparenti. Sui fianchi vi sono due file di macchie scure tondeggianti che tendono ad alternarsi oppure a riunirsi in 6 o 7 bande verticali. Sono circondate ai margini da punti argentei brillanti che formano delle brevi linee. Ventre argenteo. Pinna dorsale grigio-violetta sbiadita, l'anale ha margine inferiore bianco argenteo, seguito talvolta da linea grigioivoletta scura. Alla base della codale due macchie bianco-argentee sopra e sotto la fascia bruno scura.
Vive vive in pochi centimetri d'acqua sui massi privi di vegetazione ed interamente coperti da balani. I giovani a bassa marea compiono anche incursioni extra-acquatiche. Forse si riproduce in primavera. Si ciba dei cirri branchiali estroflessi dai balani. Si cattura con piccoli retini a mano. La misura massima è intorno ai 4 cm.
Nota  in Adriatico nelle zone di Venezia e di Spalato.
Home
Back
Print
Send
Adv
 
Adv