Benvenuto!
Adv
 
Bavosa cornuta
Nome scientifico: Blennius tentacularis
Ord. PERCIFORMI
Fam. Blennidi
Gen. Blennius
 
Simile al Blennius gattorugìne, ha corpo più snello e più lungo, completamente privo di squame con linea laterale poco visibile, che non va oltre la metà della pinna pettorale. La testa ha profilo superiore arrotondato, mentre quello anteriore è ripido e quasi verticale. Le aperture nasali anteriori hanno un'appendice tubolare. L'occhio è relativamente grande. Nel margine superiore di ogni orbita vi è un'appendice dermica molto sviluppata e frangiata.
Una serie di pori circonda l'orbita ed una altra segue il profilo curvo del preopercolo e si estende dalla linea laterale alla mandibola. La bocca si apre in posizione inferiore. Nella mascella superiore vi sono da 28 a 30 denti subconici aderenti, seguiti al fondo da uno più grosso uncinato e ricurvo indietro. Nella mandibola si contano altri  24-28 denti simili a quelli superiori e sono seguiti da uno più grosso, uncinato e ricurvo indietro.
L'unica pinna dorsale è ad andamento uniforme e non ha nessuna indentatura tra i raggi semplici della prima parte e quelli articolati della seconda. Il primo raggio della dorsale è più basso e i successivi sono ricurvi indietro e poco più bassi di quelli articolati. L'anale inizia all'altezza del margine posteriore delle pettorali ed è più bassa della dorsale. La codale è spatolata e le pettorali non molto ampie.

La tinta di fondo varia dal grigio scuro al marrone scuro, e all'ocra. Molti  puntini neri, grandi e finissimi, si concentrano in fasce verticali più scure distanziate ed alternate, che spesso si estendono sulla membrana delle pinne dorsale ed anale. La pinna anale ha l'estremità libera dei raggi bianca. Una macchia nera puo' esserci sui primi raggi della dorsale e le pettorali hanno i raggi appena macchiati di scuro, mentre la base è cosparsa di punti neri. I tentacoli sopra-orbitali sono chiari con le estremità delle frange posteriori bianche. L'iride è rossastra con macchie verdi.

E' una specie bentonica che frequenta fondali sabbiosi alternati con sassi, tra i 5-6 m, ma puo' spinegersi anche a profondità più elevate. Entra nelle acque salmastre e nella laguna veneta. Si riproduce da marzo a luglio. Ha alimentazione carnivora, come i congeneri. Si pesca con ami e con reti a strascico vicino la costa. Puo' raggiungere i 15 cm di lunghezza.
Presente in tutti i mari d'Italia

Home
Back
Print
Send
Adv
 
Adv