Benvenuto!
Adv
 
Beccaccino di mare
Nome scientifico: Nemichthys scolopaceus
Ord. ANGUILLIFORMI
Fam. Nemichthydae
Gen. Nemichthys
 
Ha corpo molto lungo e in genere assottigliato e meno compresso dietro al capo, fino all'inizio della pinna anale, quasi nastriforme soprattutto nella parte centrale e terminante in un lungo filamento (a volte lungo quanto la metà del corpo). La pelle è nuda, la linea laterale è costituita da tre serie parallele di pori. Le aperture branchiali sono quasi invisibili, essendo coperte da una plica dermica, che inizia alle base anteriore della pettorale e si dirige in basso e in avanti. La testa è ben distinta dal tronco, perché all'altezza delle aperture branchiali il corpo è assottigliato come un collo. Su di essa sono disposte numerose serie di pori. L'occhio, quasi circolare è grande, il margine superiore sfiora il profilo dorsale del capo e quello inferiore il mascellare. Le narici sono vicine tra loro e quella posteriore è molto più grande. Il muso, estremamente allungato, rappresenta molto più della metà della lunghezza del capo ed è formato in gran parte da una specie di becco rigido, sottile e ricurvo verso l'alto, al quale si contrappone una mandibola quasi altrettanto lunga e ricurva verso il basso. Questo becco è molto fragile e spesso ha gli apici arrotondati in una specie di pallina. I denti sono minuscoli e molto numerosi, disposti come quelli di una raspa in ambedue le mascelle e lievemente ricurvi indietro.
La pinna dorsale inizia anteriormente alla base delle pettorali ed è formata da raggi sottili nel terzo anteriore e in quello posteriore, mentre in quello mediano sono più duri, più corti e ingrossati alla base in modo da somigliare a delle spine. Quella anale inizia sotto le pettorali, è più alta e possiede solo raggi sottili. Le pettorali sono abbastanza ben sviluppate, ma relativamente piccole.
La colorazione varia tra il bruno chiaro e il castagno scuro quasi nero lucido. La parte ventrale è più scura, la testa è giallastra finemente maculata di bruno. Le pinne verticali nere e le pettorali brune con gli apici neri. L'iride ha riflessi azzurro-verdi.
E' una specie batipelagica che abita a profondità variabili tra 400 e 2000 m. Le femmine hanno uova a diversi stadi di maturazione. Si nutre di zooplancton e pesci. Con reti a strascico dei pescherecci d'altura. Alcuni esemplari sono stati catturati d'inverno in superficie. Puo' raggiungere la lunghezza di 1 metro e mezzo.
Presente nel mar Ligure, arcipelago Toscano, golfo dell'Asinara e Messina.
Home
Back
Print
Send
Adv
 
Adv