Benvenuto!
Adv
 
Boccanera
Nome scientifico: Galeus melastomus
Ord. SQUALIFORMI
Fam. Odontaspididae
Gen. Odontaspis
 
Ha corpo allungato, in relazione all'altezza, con testa schiacciata, muso prominente, appuntito, con aperture nasali munite di valve molto ridotte e situate nella parte inferiore del muso, più vicino alla bocca che all'apice. L'occhio è molto grande e oblungo e poco dietro ad esso sì apre un piccolo spiracolo.
Ha cinque fessure branchiali, di cui l'ultima al disopra delle pettorali. La bocca, tagliata a V, porta in ambedue le mascelle piccoli denti acuti muniti di tre punte, di cui la centrale è più lunga delle due laterali. Le scaglie della pelle portano tre carene e tre punte.
Le pinne dorsali sono piccole e molto simili tra loro, l'anale è invece lunga, con orlo dritto e termina presso la codale. La codale occupa più della quarta parte della lunghezza totale e nella parte dorsale porta una serie di scaglie ossee più grandi e dure che iniziano subito dietro la seconda dorsale e che formano una chiglia seghettata. La pettorale ha apici poco arrotondati e margini quasi dritti.
Colore variabile, generalmente bruno grigiastra, con macchie più scure irregolarmente disposte e ventre biancastro. L'interno della bocca è nero, da cui il nome melastomus.
E' una specie semi-abissale che vive sui fondi melmosi fino a 900 metri di profondità e che non risale quasi mai al disopra dei 200-300 metri. La riproduzione avviene nei mesi estivi. Le femmine portano nell'utero da due a quattro uova, contenute in capsule cornee (tipo gattuccio) prive di filamenti e cirri, dalle pareti semitrasparenti dure e levigate, di color ambraceo chiaro, che man mano che prosegue la maturazione si scurisce fino a diventare bruno castagno.
Si nutre di crostacei, piccoli cefalopodi e pesci. Si cattura con reti a strascico su fondi melmosi (zone a scampi e a melù). La carne è cattiva, ma arriva ugualmente sui mercati dove l'animale spellato passa per gattuccio o per palombo. Arriva al massimo a 50 cm. di lunghezza e intorno al mezzo chilo di peso.
In Mediterraneo è noto nella parte orientale e centrale, nell''Adriatico settentrionale è considerato raro.
Home
Back
Print
Send
Adv
 
Adv