Benvenuto!
Adv
 
Boga
Nome scientifico: Boops boops
Ord. PERCIFORMI
Fam. Sparidae
Gen. Boops
 
Genere rappresentato da B. boops (Boga=occhio di bue) e B. salpa (Salpa). Il corpo è simile come forma a quello degli sparidi, ma più allungato e meno compresso.
Nella boga è quasi fusiforme. Non vi sono molari.
Corpo oblungo, fusiforme poco compresso lateralmente. Unica dorsale con 14 raggi spinosi molto deboli e 15/16 raggi molli.
Anale corta con tre spine deboli e ventrale pure con una spina sottile e flessibile. Occhio molto grosso.  

Bocca terminale piccola e obliqua con denti piccoli in una sola fila. Superiormente il bordo libero dei denti è seghettato con quattro punte taglienti, mentre inferiormente le punte sono cinque con quella centrale più larga.
La colorazione è uniformemente argentea, più scura sul dorso, strie gialle dorate. Non è variabile secondo le zone.


Ha abitudini gregarie, si ritrova spesso in vicinanza della costa ma più facilmente al largo in piccoli branchi pelagici. Per quanto si avvicini molto a terra sia nelle coste a fondi scogliosi che in quelle a fondo sabbioso vive sempre a mezz'acqua dove nuota in gruppi più o meno numerosi. Si spinge anche molto al largo nelle acque superficiali, ma in caso di cattivo tempo cerca riparo in acque più profonde e si spinge anche oltre i 150 metri.
Nei mesi di aprile e maggio gli adulti sono maturi per la riproduzione e le uova si trovano galleggianti nel plancton. Gli stadi giovanili, pure pelagici, si trovano nel plancton costiero. A 30 mm. presentano già tutti i. caratteri definitivi.
La specie è fondamentalmente ermafrodita proteroginica.
Si nutrono degli organismi planctonici.
Il cibo principale è formato pero' dai copepodí e dagli altri crostacei planctonici nonché dalle uova e larve di altri organismi marini, specialmente pesci.

Viene catturata nelle reti di circuizione specialmente di notte sotto la luce con i ciancioli specialmente sulle coste del l'Italia meridionale.
Abbocca saltuariamente agli ami delle lenze fisse e dei piccoli palangresi galleggianti e si trova nelle reti a strascico dei motopescherecci. In Sicilia le taglie più grosse vengono catturate all'amo, su fondi di oltre 30 metri.
Supera difficilmente i 30 cm. di lunghezza ma la media è sui 20-25 cm.
Comune in tutto il Mediterraneo fino al Mar Nero.

Home
Back
Print
Send
Adv
 
Adv