Benvenuto!
Adv
 
Calinura
Nome scientifico: Chalinura mediterranea
SottOrd. MACRURIFORMI
Fam. Macruridae
Gen. Chalinura
 
Nel genere si nota la mancanza di un lobo apicale differenziato e spinoso all'estremità del muso, di aree prive di squame sul ventre, di segni visibili dell'esistenza di un organo luminoso e dalla presenza di un robusto raggio spiniforme dentellato alla prima dorsale.
Ha corpo è affusolato, gibboso, termina posteriormente con appendice quasi filiforme.
La testa è robusta e la sua lunghezza è compresa circa 4 volte e mezzo in quella totale. Il muso è largo, troncato, non molto prominente; si notano sulla sua superficie dorsale tre creste, di cui quella mediana è gibbosa, quelle sub-oculari sono meno marcate e quella sub-orbitale non raggiunge l'angolo del preopercolo. L'occhio è piccolo.
La bocca è larga, sub-terminale e la sua apertura si spinge fino alla verticale che passa per il margine posteriore dell'occhio. La mandibola è lievemente più corta della mascella superiore e sotto la sinfisi anteriore porta un barbiglio sottile, più lungo del diametro orizzontale dell'occhio. Sulla mascella superiore si nota una serie esterna di denti robusti, ampiamente spaziati tra loro ed una fascia interna di denti villiformi. Nella mandibola una sola serie di denti grandi. Nessuno sul vomere e sui palatini.
Le pinne dorsali sono due, la prima inizia esattamente al disopra dell'inserzione delle pettorali, il suo primo raggio è formato da una spina cortissima ed il secondo da una spina robusta, seghettata regolarmente nel suo bordo anteriore fino all'apice che si prolunga in un filamento. La seconda inizia al disopra del sesto raggio dell'anale ed è formata da raggi molto bassi, specialmente quelli del primo terzo della sua lunghezza. L'anale inizia immediatamente dietro l'apertura omonima e decresce gradualmente verso la estremità posteriore della regione codale, dove è quasi subeguale alla seconda dorsale. Sembra presente anche una codale, collegata con l'anale e la seconda dorsale, ma distinguibile per i suoi raggi più lunghi. Le pettorali hanno il raggio superiore allungato. Le ventrali sono inserite al disotto ed in posizione più avanzata delle pettorali, hanno il raggio esterno molto allungato, robusto e filamentoso che raggiunge con la sua estremità il ventesimo raggio dell'anale.
Il colore del corpo privato dalle squame è rosso carnicino, con la testa e zona ventrale nera violacea. Le membrane branchiosteghe sono nero intenso. Le pinne incolori.
E' una specie carnivora, abissale stenobatica, che frequenta fondali intorno ai 2000 m. Si cattura con reti a strascico delle navi per le ricerche oceanografiche. Dimensioni massime 24 cm
Noto per le Azzorre e per la la costa nord-occidentale della Sardegna al largo dell'Asinara.
Home
Back
Print
Send
Adv
 
Adv