Benvenuto!
Adv
 
Carango cavallo
Nome scientifico: Caranx Hippos
Ord. PERCIFORMI
Fam. Carangidae
Gen. Caranx
 
Ha un corpo quasi ovale, alto e compresso, ricoperto di squame piccole e cicloidi (la zona ventrale inferiore è nuda, con al centro una piccola arca munita di squame).
La linea laterale è corazzata nella sua parte rettilinea posteriore di una serie di 30-34 scudetti ossei spinosi.
La testa ha il profilo superiore ricurvo e dotato di una carena e quello anteriore quasi verticale. L'occhio, circolare è munito di palpebre adipose. Le narici sono piccole e vicine al margine anteriore dell'orbita. La bocca, lievemente obliqua, ha la mandibola poco prominente ed è dotata di denti conici disposti in una sola serie sulla mandibola (due più grandi e caniniformi) e di un'ampia fascia di denti villiformi sulla mascella superiore, affiancati da una serie di denti conici robusti e spaziati tra loro.
Le pinne dorsali sono due: la prima con raggi spinosi (il terzo è il più lungo) e la seconda con raggi molli articolati con lobo anteriore molto sviluppato. Le pettorali sono lunghe e falciformi, le ventrali brevi.
La colorazione è grigio verde olivacea sul dorso e dorata sui fianchi e argentea nella parte ventrale. Presente una macchia nera sull'opercolo. Un'altra macchia nerastra indistinta è sui raggi inferiori delle pettorali e una terza, piccola, all'ascella. E' una specie nuotatrice pelagica che compie migrazioni stagionali. Forse gli stadi giovanili siano attratti dalle acque salmastre.
Si riproduce dai primi di marzo ai primi di settembre in vicinanza delle coste. Si alimenta come le specie congeneri e viene catturata con reti di circuizione, con ami trainati e palangresi. Supera il metro di lunghezza,  ma nel Mediterraneo la dimensione massima nota è intorno ai 38 cm.
In Italia è citato per la Liguria, Follonica, Taranto e Palermo. Ultimamente avvistato nell'Adriatico
Home
Back
Print
Send
Adv
 
Adv