Benvenuto!
Adv
 
Centrolofo viola
Nome scientifico: Schedophilus ovalis
Centrolofo viola
Ord. PERCIFORMI
Fam. Centrolophidae
Gen. Schedophilus
 
Si tratta di pesce pelagico batifilo, piuttosto raro nel Mediterraneo. Subisce trasformazioni con la crescita nella colorazione e nel rapporto tra l'altezza e la lunghezza
Il corpo è tondeggiante nei giovani, ovale allungato negli adulti, compresso e coperto dì squame caduche cicloidi, ma non nel nel capo nudo dove pelle è cosparsa da minutissimi pori mucosi. La linea laterale ha un andamento rettilineo negli adulti (95-110 squame).
La testa ha profilo anteriore ottuso, con occhi rotondi grandi. Le narici sono due su ogni lato (anteriore circolare, posteriore sub-ovale). Il pre-opercolo è leggermente dentellato al margine inferiore e posteriore negli adulti. La bocca ha la mandibola un po' prominente, con una serie di denti acuti, sottili e allungati su ambedue le mascelle.
L'unica pinna dorsale ha la parte spinosa bassa, con raggi distanziati, poco robusti e collegati da una membrana che non si estende fino agli apici negli adulti. L'anale inizia poco dietro il centro della dorsale ed è preceduta da 3 corti raggi spinosi, liberi soltanto per metà. La codale, bilobata, ha margini superiore ed inferiore tondeggianti, è più forcuta e con lobi più aperti e più acuti negli adulti. Le pettorali più corte e spatolate nei giovani, sono più sviluppate e falciformi negli adulti. Le ventrali sono più lunghe nei giovani e ridotte negli adulti. Dorsale, anale, codale e pettorali hanno la base coperta di piccole squame.
La colorazione varia con l'età. I giovanì sono più chiari, grigio argentei. Gli adulti di tinta quasi uniforme sono più scuri, bleu nerastro sul capo e sul dorso, grigio argenteo sui fianchi e sul ventre. Pinne impari bleu vinato e pari nero-violaceo. Iride argentea con pupilla nera bordata di marrone, l'interno della bocca bianco azzurrognolo.
Gli adulti vivono in vicinanza del fondo (circa 300 metri di profondità). Gli esemplari giovani si trovano in superficie all'ombra di oggetti galleggianti. Si nutrono di Tunicati pelagici.
Gli esemplari adulti si catturano occasionalmente con reti a strascico, con palangresi di fondo. Le dimensioni si aggirano intorno ai 50-60 cm.
Nei mari italìani è stato catturato nel Mar Ligure, nello Stretto di Messina
Home
Back
Print
Send
Adv
 
Adv