Benvenuto!
Adv
 
Cino Pontico
Nome scientifico:  Cynoponticus ferox
Cino Pontico
Ord. ANGUILLIFORMI
Fam. Muraenosocidae
Gen. Cynoponticus
 
Ha corpo allungato, subcilindrico anteriormente all'apertura anale e compresso posteriormente. Il tronco è relativamente corto, circa un quarto della lunghezza totale. La pelle è liscia, priva di squame, tranne la linea laterale (un canale con una serie di diverticoli in basso) in cui, incluse sotto la pelle, si trovano delle squame oblunghe di forma particolare. Le aperture branchiali sono grandi, subverticali situate lateralmente in basso e separate tra loro, sulla faccia ventrale, da un brevissimo spazio. La testa è quasi cilindrica e si rastrema in avanti verso il muso che è prominente. Le narici anteriori sboccano in un tubicino corto situato lateralmente e poco prima dell'estremità del muso e sono allo stesso livello orizzontale di quelle posteriori. La pelle della testa e delle mascelle è solcata da un reticolo complesso di circonvoluzioni dermiche, corrispondenti, in gran parte, al reticolo di pori muciferi e dei canali sensoriali. La bocca è ampia e armata da una complessa dentatura. La lingua è libera in punta e lateralmente e aderisce soltanto col suo asse mediano al pavimento boccale.
Le pinne dorsale e anale sono alte e ben visibili. La pettorale ben sviluppata è formata da 12 a 15 raggi che si vedono bene soltanto quando si è asportata la pelle che li ricopre. La codale porta 8 raggi e confluisce, con l'anale e la dorsale. 140/147 vertebre.
La colorazione è grigio-verdastra o brunastra più scura sul dorso, più chiara sui fianchi e generalmente bianca sulla faccia ventrale, ad eccezione della regione codale. Pinne impari chiare marginate di nero, pettorale quasi interamente nera con base grigia.
Frequenta fondali sabbiosi e misti di fango e sabbia tra 10 e 200 metri di profondità. Il periodo della riproduzione è tra Maggio e Agosto. E' una specie carnivora che attacca qualsiasi pesce, crostaceo o mollusco di taglia media o piccola che si trovi alla sua portata. Si cattura con ami e con reti a strascico. Raggiunge dimensioni di oltre 2 metri.
Nel Mediterraneo sono stati catturati in tutto tre esemplari, due nel golfo di Napoli e uno all'isola d'Elba.
Home
Back
Print
Send
Adv
 
Adv