Benvenuto!
Adv
 
Gattopardo
Nome scientifico: Scyliorhinus stellaris
Gattopardo
Ord. SQUALIFORMI
Fam. Scyliorhinidae
Gen. Scyliorhinus
 
Molto simile al Gattuccio, pero' con il corpo più tozzo e il muso un po' più schiacciato. La bocca è meno arcuata e da chiusa mantiene il bordo anteriore scoperto I denti e le scaglie epidermiche sono uguali a quelli dell'altra specie. Le dorsali sono due e sono situate posteriormente alle ventrali che sono di forma quadrangolare.
La tinta è bruno cenere, con macchie grosse, rade e spesso circolari, con una zona più chiara al centro (tipo pelle leopardo). I giovani fino a 20 cm. presentano delle fasce verticali scure che spesso permangono anche negli adulti. Vive in zone sassose e scogliose con acque limpide ed ha abitudini notturne. Usa come arma di difesa la parte codale, che viene usata come una raspa per liberarsi dalla presa di altri animali.
Si riproduce durante tutto l'anno. La capsula dell'uovo è simile a quella del gattuccio, ma è di dimensioni maggiori (9 cm di lunghezza e  3 di larghezza). La capsula ha un ispessimento dei bordi più lunghi, che formano come una specie di cordoncino laterale. L'incubazione dura nove mesi.
Si nutre di piccoli pesci, crostacei e molluschi, tra i quali predilige i cefalopodi. Abbocca alle lenze di fondo e ai palangresi nelle zone scogliose costiere e anche sulle secche a coralline. Le sue carni sono poco buone, il  fegato è tossico. Nel Mediterraneo raggiunge i  75 cm.
Comune su tutte le coste italiane.
Home
Back
Print
Send
Adv
 
Adv