Benvenuto!
Adv
 
Grongo
Nome scientifico: Conger conger
Grongo
Ord. ANGUILLIFORMI
Fam. Congridae
Gen. Conger
 
Il grongo bianco di fango e quello nero di scoglio in realtà sono livree diverse della stessa specie.
Ha corpo cilindrico serpentiforme, compresso lateralmente nella parte codale e con testa depressa in senso dorso-ventrale. La pelle, completamente priva di squame è ricoperta di muco e provvista di pori sensoriali sulla testa, specialmente nello spazio interorbitale e lungo la linea laterale. La bocca è ampia e il mascellare si estende fino all'altezza del centro dell'occhio che è ovale e abbastanza grande. In ambedue le mascelle esiste una fila esterna di denti compressi a margine tagliente il cui numero cresce con l'età e le dimensioni dell'esemplare. Nei lati delle mascelle vi sono due file di denti. Sul vomere esiste una placca dentaria triangolare con la base arrotondata. Ambedue le mascelle sono fornite di labbri carnosi e quella superiore, un po' prominente, porta alla sua estremità superiore le narici anteriori tubuliformi. Le aperture nasali posteriori invece non sono tubuliformi e si aprono avanti il margine anteriore dell'orbita. Le aperture branchiali sono basse e la loro lunghezza è di poco superiore a quella dell'occhio. La pinna dorsale si origina all'altezza dell'estremità posteriore delle pettorali e si estende fino alla coda saldandosi con l'anale e formando così una falsa pinna codale. Le pettorali sono ben sviluppate e hanno da 17 a 20 raggi. Le ventrali non esistono
Il colore del dorso varia tra il nero e il grigio ardesia più o meno chiaro, quello del ventre dal bianco al bianco sporco. I pori della linea laterale sono bianchi e le pinne impari bordate di nero.
E' una specie marina con un ampio raggio di diffusione, in quanto vive da 10m ad oltre 1000m di profondità. E' abbastanza comune nelle zone rocciose, dove durante il giorno resta nascosto nei buchi e nelle cavità degli scogli, lasciando sporgere solo la testa. La riproduzione avviene nei mesi estivi, probabilmente a grandi profondità. Sembra che la vita larvale e semilarvale del grongo duri da uno a due anni. E' carnivoro e vorace. Si cattura con tutti i sistemi di lenze e di reti e anche col fucile subacqueo, offrendo un fortissima reazione. Arriva fino a due metri e mezzo di lunghezza totale e forse più e circa una settantina di chili in peso.
Comune lungo tutte le nostre coste.
Home
Back
Print
Send
Adv
 
Adv