Benvenuto!
Adv
 
Lingua di cane
Nome scientifico:  Symphurus nigrescens
Lingua di cane
Ord. PLEURONETTIFORMI
Fam. Cynoglossidae
Gen. Symphurus
 
Il genere è caratterizzato dalla pigmentazione e dagli occhi sul lato sinistro del corpo, dalla mancanza di pinne pettorali, dell'esistenza di una sola pinna ventrale, che è ben separata dall'anale, la quale invece confluisce con la dorsale, tramite la codale, senza soluzione di continuità. Manca la linea laterale.
Ha corpo ovale, rastremantesi verso l'estremità codale a forma di foglia, coperto di squame piccole facilmente dìstaccabili. Gli occhi e la pigmentazione sono sul lato sinistro, dove non si nota la presenza di linea laterale. La testa ha muso abbastanza sviluppato e formante una specie di becco uncinato che sovrasta l'apertura boccale, breve e non molto curva, specialmente negli adulti. Sulle mascelle dal lato cieco, i denti sono disposti in diverse file, mentre sono in unica serie sul lato superiore pigmentato. Gli occhi sono molto piccoli, tanto ravvicinati da essere a contatto fra loro, e incapsulati nel tegumento che ricopre la testa e gli opercoli. Quello superiore è appena spostato un poco più innanzi. La narice anteriore del lato oculare è impiantata sul labbro superiore ed è munita di corto tubicino che ripiegato indietro; quella posteriore è in posizione piu elevata, al livello circa dello spazio interorbitale.
La pinna dorsale ha i suoi primi 5 o 6 raggi più grossi e più distanziati tra loro di tutti i restanti, il primo di essi e impiantato sopra l'occhio, l'ultimo si unisce alla codale, dove confluisce anche la pinna anale. Le pinne pettorali mancano. Le pinne ventrali sono ridotte ad una sola e fa parte del lato destro.
Vi è una colorazione pallida ed una a fasce verticali con una serie di graduazione Intermedie. Nella prima, corpo e testa sono in tinta quasi uniforme, bruna o grigio bruno più scura verso la base delle pinne dorsale ed anale.
Nella seconda la tinta di fondo è più chiara con circa sei larghe fasce ineguali sul corpo più scure all'estrernità ed indistinte al centro dei corpo stesso dove si confondono quasi con la tinta del fondo. Le fasce scure proseguono sulle pinne che, quando sono ripiegate indietro, appaiono uniformemente nere.
E' una specie bentonica che vive prevalentemente a profondità rilevanti (tra 100 e 300 metri ed oltre), sui fanghi sabbiosi. Il periodo della riproduzione si estende da maggio all'ottobre. Si nutre di invertebrati viventi nei fanghi del fondo. Si cattura con reti a strascico. Raggiunge al massimo 12 cm di lunghezza totale. Le femmine sono più grandi dei maschi.
Nel Mediterraneo è nota solo nel bacino occidentale e sulle nostre coste nel mar Ligure, nel Tirreno (Livorno, coste laziali, golfo di Napoli e Sicilia) e nello Jonio.
Home
Back
Print
Send
Adv
 
Adv