Benvenuto!
Adv
 
Merluzzetto bruno
Nome scientifico: Trisopterus luscus
Merluzzetto bruno
Ord. GADIFORMI
Fam. Gadidae
Gen. Trisopterus
 
Questa specie che è essenzialmente atlantica e la sua presenza sulle coste d'Italia è molto dubbia
Delle tre forme di Trisopterus a mascella superiore prominente, questa è quella che ha corpo più alto, (altezza massima contenuta circa tre volte e mezzo nella lunghezza totale, La sagoma del corpo è molto somigliante a quella del T. minutus e le squame sono caduche, ma più grandi. La linea laterale descrive una curva più accentuata e la testa è più corta essendo compresa circa 4 volte e mezzo nella lunghezza totale. L'occhio è grande, il suo diametro è un poco superiore alla lunghezza del muso. La bocca è ampia ed è munita di denti su ambedue le mascelle, disposti a scardasso, con quelli più esterni, più grossi. Sotto il mento vi è un robusto barbiglio lungo quanto il diametro oculare.
Le pinne dorsali sono tre, di cui la prima, triangolare, è falciforme, con ì primi raggi notevolmente più alti. E' separata da un brevissimo spazio dalla seconda che, a sua volta, è molto spesso saldata alla terza. La prima anale, molto lunga, è ampia, non è simmetrica alla seconda dorsale, poiché inizia più avanti, al disotto della prima ed è sempre saldata alla seconda anale che è simmetrica alla terza dorsale, essendo ambedue col margine libero troncato nettamente e quasi verticale. Codale, pettorali e ventrali simili a quelle della specie congenere T. mintittis.
Colore del dorso  bruno-rossastro con riflessi cuprei; più chiaro sui fianchi e sul ventre che è grigio-azzurro argenteo. La linea laterale è bruna nella sua metà anteriore e giallo oro in quella posteriore. Spesso si notano fasce verticali più scure sui lati. Le pinne sono grigioblu, più scure ai margini. Una macchia nera, molto evidente, è alla base delle pettorali.
E' una specie gregaria che frequenta fondali di  250-300 metri. Nel periodo riproduttivo (primavera (Marzo-Aprile) si avvicina alla costa fino ai 50 m di profondità. E' frequente anche nei fondali rocciosi e talvolta nelle spiagge poco profonde. La riproduzione avviene in acque di profondità non superiore ai 100 metri (temperatura non inferiore a 8°-9°, salinità 32-35,35 per mille. La maturazione sessuale inizia all'età di un anno quando è raggiunta la taglia di 20-25 cm. Si nutre di molluschi, crostacei, e piccoli pesci. Si cattura con reti a strascico; abbocca alle lenze dei pescatori sportivi. Arriva al massimo a 450 mm di lunghezza totale ma le dimensioni normali sono generalmente tra i 150 e i 200 mm, talvolta fino a 300.
Per le coste italiane è da ritenersi con molto probabilità assente.
Home
Back
Print
Send
Adv
 
Adv