Benvenuto!
Adv
 
Nasello
Nome scientifico:  Merluccius merluccius
Nasello
Ord. GADIFORMI
Fam. Gadidae
Gen. Merluccius
 
Ha corpo allungato poco compresso lateralmente e ricoperto da squame piccole e caduche. La testa è lunga, piatta inferiormente, con muso conico appuntito e bocca molto ampia con mandibola prominente, priva di barbigli al disotto del suo apice. Nelle mascelle vi sono due o tre serie di denti sottili acuminati, di cui quelli della serie esterna, fissi corti e puntuti. Quelli delle serie interne, sono più lunghi, acuminati e pieghevoli indietro verso l'interno. Due altre file di denti esistono sul vomere. L'occhio non è molto grande ed è rotondo.
Le pinne dorsali sono due, ambedue formate da raggi molli. La prima è corta, alta e triangolare, senza raggi filiformi, mentre la seconda, che inizia poco dopo la prima, è lunga e arriva fino al peduncolo codale. L'altezza di questa pinna va decrescendo in un primo tempo dall'inizio verso la coda per poi elevarsi di nuovo nell'ultimo terzo con bordo arrotondato. Anche l'anale che è disposta simmetricamente a questa, presenta lo stesso andamento ed è all'incirca della stessa lunghezza. La codale è a spatola con bordo troncato dritto. Le pettorali, lunghe circa la metà del capo, sono ben sviluppate e uguali o poco più grandi delle ventrali che sono inserite in posizione giugulare. La linea laterale è ben visibile e quasi rettilinea.
La colorazione è grigio cenere o grigio topo uniforme, più scuro sul dorso e più chiaro sui fianchi, che hanno riflessi argentati. Bianco argento sul ventre. L'iride è giallastra.
Vive su fondi sabbiosi o fangosi dai 30 ai 700 metri di fondo, con preferenza per le zone tra i 100 e i 400 metri. . I giovani si tengono in vicinanza della costa mentre gli esemplari adulti man mano che aumenta la loro taglia si spingono sempre più in profondità. La riproduzione ha inizio alla taglia di 40 cm di lunghezza. Al momento della deposizione delle uova, che avviene  in vari periodi a seconda della latitudine e a volte per tutto l'anno, gli adulti si concentrano sui bordi della platea continentale. Gli stadi post-larvali si trovano nel plancton più spesso in inverno e in primavera. Le uova sono sferiche e galleggianti.
Si nutre di crostacei e di pesci (acciughe, clupeidi e altre specie di gadidi). Si cattura con reti a strascico in profondità  da 100 a 400 metri e con i palangresi d'altura fino a 700m di fondo. In estate capita sporadicamente nei tramagli posti a profondità intorno ai 30 metri. Puo' arrivare ad oltre un metro di lunghezza.
Comune in tutto il Mediterraneo.
Home
Back
Print
Send
Adv
 
Adv