Benvenuto!
Adv
 
Palamita
Nome scientifico:  Sarda sarda
Palamita
Ord. PERCIFORMI
Fam. Scomberomoridae
Gen. Sarda
 
Tortonese divide il sottordine Scombroidei nelle famiglie Scombridae, Scomberomoridae,Thunnidae, Istiophoridae e Xiphíidae.
Ha corpo allungato, fusiforme, simile a quello dello sgombro, solo che è di taglia superiore e un po' più compresso lateralmente ed ha la seconda pinna dorsale subito dietro la prima. La testa è a punta, con bocca ampia e mascella superiore lievemente prominente.
I denti sono compressi, inclinati all'indietro, robusti e posti in un'unica fila nelle mascelle. Presenti alcuni denti sui palatini. Squame piccole coprono tutto il corpo, solo nella parte anteriore del tronco le squame sono più grandi e formano un corsaletto.
La linea laterale è visibile e ondulata. Ai lati del penduncolo codale si trova una chiglia longitudinale accompagnata da due piccole creste convergenti verso la codale. La codale è ampia e forcuta.
La colorazione è azzurra oltremare sul dorso, quasi nera alla base della dorsale e sulla testa. Sui fianchi è azzurro verdastra superiormente, con linee sinuose longitudinali e oblique nere. Inferiormente e sul ventre, è bianco argentea con riflessi metallici.
E' una specie pelagica, gregaria e migratoria. Nei mari italiani si trova lungo le varie coste in mesi differenti. (febbraio-giugno in Toscana, ottobre-novembre in LIguria, in primavera nel nord Sicilia, luglio-settembre nello Stretto di Messina. Nell'Adriatico superiore è segnalata da ottobre a dicembre.
Si ciba di sarde, alici e altri animali pelagici.
Si pesca con le palamitare e con reti di circuizione. Abbocca all'amo delle traine. Raggiunge gli 80 cm di lunghezza e i 10 kg di peso (mediamente 30-50 cm e 1-3 kg).
Si incontra in tutto il Mediterraneo.
Home
Back
Print
Send
Adv
 
Adv