Benvenuto!
Adv
 
Pesce imperatore
Nome scientifico:  Luvarus imperialis
Pesce imperatore
Ord. PERCIFORMI
Fam. Luvaridae
Gen. Luvarus
 
Al genere appartiene una sola specie.
Ha corpo compresso lateralmente, ovale, arrotondato nel lato frontale e rastremato all'estremità posteriore. Strettissimo il peduncolo codale, su cui si trova una piccola chiglia dermica per lato, laterale e sporgente. E' ricoperto di squame piccole, soffici e caduche. La testa, arrotondata nella parte dorsale, discende in basso, dando al muso un profilo molto ripido. L'occhio, piccolissimo. Il muso è carenatoe all'estremità inferiore, inizia una cresta orizzontale sporgente che passa al disopra dell'occhio e termina nella parte alta dell'apertura branchiale.  La bocca è molto piccola, orizzontale e situata in basso con mascelle prive di veri denti, presente una rugosità del palato.
La pinna dorsale è unica ed è situata nella metà posteriore del corpo simmetricamente all'anale. La codale è ampia, semilunare, con i lobi divergenti, quasi verticali. Le pettorali sono spatolate e lunghe ed aderiscono ai fianchi incastrandosi in una apposita depressione. Le ventrali sono ridotte a due raggi spinosi saldati insieme, tali da formare una placchetta  triangolare, che copre una depressione del lato ventrale, dove è situata l'apertura anale.

Il dorso è nero azzurro, i fianchi ed il ventre bianco argenteo. Il muso, la fronte, la bocca ed i lati della testa hanno sfumature rosse e rosa. Le pinne pettorali, i raggi della dorsale ed anale e la codale sono scarlatti. I primi tre o quattro spazi interradiali della dorsale sono scarlatti come il primo dell'anale. Il resto della dorsale è di colore azzurro nerastro. L'anale è bianca alla base per passare ad azzurro scuro verso il margine e l'estremità posteriore della pinna.
E' una specie pelagica, solitaria o in piccoli gruppi, che frequenta la superficie e a volte si lascia trasportare dalle correnti verso la costa. Gli stadi post larvali hanno aspetto completamente diverso. Diviene matura quando cambia forma e colorazione. Si nutre di tunicati, scifozoi e ctenofori e probabilmente di molluschi, cefalopodi e pesci. Si cattura occasionalmente con palangresi e con reti di circuizione. Puo' raggiungere dimensioni di oltre 2 metri.
E' una specie che si trova ovunque.

Home
Back
Print
Send
Adv
 
Adv