Benvenuto!
Adv
 
Pesce sorcio pizzuto
Nome scientifico:  Trachyrhynchus scabrus
Pesce sorcio pizzuto
Ord. MACRURIFORMI
Fam. Macruridae
Gen. Trachirhincus
 
OSSERVAZIONI SUL GENERE
Caratterizzato dal muso acuminato e appuntito a forma di rostro e da squame spinose.
MORFOLOGIA DELLA SPECIE
Corpo. molto affusolato e appuntito posteriormente, ricoperto di squame raspose, in quanto fornite ciascuna di spine acuminate dirette indietro, in numero che varia secondo la loro posizione e diminuisce da sei, nella parte anteriore del corpo fino a due nella regione codale. Lungo la base delle pinne dorsali e anali vi è, in ogni lato, una serie di squame ingrandite a forma di scudetto munìte di una cresta dentellata. La linea laterale, abbastanza visibile, segue l'andamento del profilo dorsale e quindi ha un andamento quasi rettilineo.
La testa, anch'essa interamente coperta di squame spinose, ha muso lungo e appuntito, depresso superiormente, occhio molto grande ovale, col diametro maggiore orizzontale. Le narici, poste avanti alla orbita sono coperte da un'unica membrana che ha una grossa apertura ovale verticale per la narice posteriore, mentre forma un corto tubicino con apertura subcircolare per quella anteriore. Ai lati della testa dall'apice del rostro fino all'opercolo vi è una cresta saliente che passa al disotto dell'occhio e forma come lo spigolo di un diedro.
La bocca, a ferro di cavallo, è relativamente grande, malgrado che l'enorme sviluppo dei muso la faccia apparire più piccola di quanto effettivamente sia ed è munita, in ambedue le mascelle, di fasce formate di minuscoli denti disposti a scardasso. La mandibola si incassa completamente in tutto il suo perimetro nella mascella superiore e porta al disotto della sinfisi anteriore un brevissimo e sottile barbiglio lungo circa un quarto del diametro orbitario.
Le pinne dorsali sono due, la prima corta con i raggi deboli e con la base lunga circa la metà della lunghezza preorbitale, la seconda estesa fino all'estremità del corpo, con raggi più bassi, ma non molto, di quelli della prima. L'anale è più corta e più bassa e si congiunge alla seconda dorsale all'estremità posteriore del corpo. Le pettorali sono brevi, non acuminate e lunghe più o meno quanto il diametro maggiore dell'orbita. Le ventrali sono un poco più corte delle pettorali, hanno raggi molto fragili di cui il primo un poco prolungato a filamento.
COLORAZIONE
Grigiastro uniforme. Le dorsali più scure e bordate di nero, l'anale bruna, pettorali e ventrali grigie. Occhi con iride tonda e pupilla azzurra.
COSTUMI
Specie semi-abissale che vive in acque di profondità variabile secondo le zone, preferibilmente intorno ai 700 metri e in altre tra i 500 e i 600 fino al limite superiore di 200 metri.
NUTRIZIONE
Carnivora.
PESCA
Principalmente con reti a strascico, raramente con palangresi di fondo.
La carne è commestibile e delicata.
DIMENSIONI
Arriva a circa 60 cm.
DISTRIBUZIONE GEOGRAFICA
Nei mari italiani abbastanza comune nel mar Ligure, nel Tirreno centrale e nei mari della Sicilia.
Home
Back
Print
Send
Adv
 
Adv