Benvenuto!
Adv
 
Pesce topino
Nome scientifico:  Hymenocephalus italicus
Pesce topino
Ord. MACRURIFORMI
Fam. Macruridae
Gen.Hymenocephalus
 
Ha corpo affinato posteriormente, quasi filiforme, ricoperto di squame relativamente grandi, molto caduche e sottili, munite sulla superficie libera di spine sottili disposte in serie irregolari. Nella zona ventrale, ricoperta di squame, si notano due corpi neri lenticolari riuniti da una linea di tessuto nero privo di squame. Quello posteriore ricopre parzialmente l'apertura anale. La testa, alta e compressa lateralmente, è priva di squame ed è ricca di cavità mucose ricoperte da una sottile pellicola trasparente, molto evidenti quelle nella parte anteriore del muso e della regione interorbitaria. Su di essa sono disposte delle lamine sottili, frastagliate formanti angoli acuti, una mediana è situata al disopra a guisa di cresta e sporge in avanti al muso con un'espansione più o meno appuntita, e due altre sono visibili avanti le narici. L'occhio è grande, circolare e tocca il profilo superiore del capo; il muso è corto e troncato quasi verticalmente, lo spazio interorbitario è ampio, concavo, ricoperto da una sottile membrana che si estende fino a due piccole spine nucali orientate in avanti, ed è largo poco meno del diametro oculare, bocca ampia.
Al disotto della sinfisi anteriore della mandibola vi è un sottile e breve barbiglio. I denti, villiformi, sono disposti in fasce irregolari su ambedue le mascelle.
Le pinne dorsali sono due, la prima, triangolare, inizia al disopra della base delle pettorali, il suo primo raggio è rudimentale ed aderente al secondo che è il più lungo di tutti; la seconda è molto bassa, inizia dopo uno spazio lungo all'incirca quanto la metà della testa e prosegue fino all'estremità posteriore del corpo, dove si confonde con l'anale ed è sensibilmente più alta. La codale manca, ma negli individui mutilati dell'estremità posteriore del corpo, si rígenera una pinna ben differenziata come un pennellino piatto. Le pettorali sono lunghe ed il loro primo raggio è prolungato in un filamento che raggiunge i primi raggi dell'anale e così pure le ventrali che sono inserite in posizione lievemente anteriore alle pettorali.
Corpo chiaro, grigio biancastro, con la testa argentea ad eccezione delle regioni opercolare, branchiale ed intorno alla bocca che sono nere. Ventre nero. Pinne chiare, alla base dei raggi della dorsale e dell'anale un punto nero. Base delle pettorali e delle ventrali anche nera.
E' una specie abissale (da 150 metri a 1900 metri e ltre). Uova ovariche mature trasparenti, sferiche e con grande goccia oleosa. Alimentazione forse carnivora. Si cattura con rete a strascico dei motopescherecci d'altura. Supera i 15 di lunghezza massima.
Comune nel mar Ligure, Tirreno, coste della Sardegna e Sicilia, abbastanza comune nello Jonio e più raro in Adriatico.
Home
Back
Print
Send
Adv
 
Adv