Benvenuto!
Adv
 
Rana pescatrice
Nome scientifico:  Lophius piscatorius
Rana pescatrice
Ord. LOFIFORMI
Fam. Lophiidae
Gen. Lophius
 
Ha corpo caratterizzato da una testa molto ampia, con un'enorme bocca semicircolare. La mascella superiore è protrattile, che in condizioni di riposo si incastra nell'arco di quella inferiore che è prominente. I denti sono robusti, conici acuminati e cardiformi, di diversa grandezza. All'interno della mascella inferiore e posteriormente alla serie interna dei denti la membrana mucosa della bocca è di color grigio. Sulla faccia superiore dei palatini, in vicinanza delle narici vi sono due spine. Le narici, anteriori e posteriori, sono riunite in due piccoli tubicini situati tra le spine suddette vicino al bordo della mascella superiore. Gli occhi sono piccoli, ellissoidali e posti superiormente dentro una orbita spinosa. Gli opercoli sono situati all'ascella delle pettorali e consistono di due ampie aperture branchiali in parte nascoste dalla base delle pettorali.
Poco dopo le narici e lungo la linea mediana della testa nasce un lungo raggio mobile, seguito a breve distanza da un secondo, ambedue isolati da quelli della dorsale. L'anteriore che è più lungo e che puo' raggiungere anche i 50 cm., termina con un'appendice carnosa a volte bifida, mentre quello posteriore, che è più corto, è frangiato e termina a punta. Un terzo raggio isolato nasce dietro gli occhi ed è più lungo della metà del primo. All'altezza del 1° raggio libero e in linea col centro del peduncolo delle pettorali sono presenti due robuste spine omerali, munite di 2 o 5 corte punte e in parte ricoperte dall'epidermide.
Le pinne dorsali sono due, la prima con tre raggi filiformi uniti solo alla base da una breve membrana. La seconda è più sviluppata ed è situata nella parte posteriore del peduncolo codale. L'anale, inserita inferiormente è simile ad essa ed è situata in posizione corrispondente. Le ventrali sono situate sulla faccia inferiore della testa, in posizione giugulare e sono completamente nascoste quando il pesce è appoggiato sul fondo. Le pettorali sono peduncolate e robuste. Tutto il corpo è circondato come da una frangia di piccole appendici carnose frastagliate.
La colorazione è bruno-violacea o bruno olivastra, maculata da chiazze irregolari. Ventre bianco: Le pettorali più scure, sono inferiormente biancastre conbordo e macchie nere.
E' un pesce bentonico e vivente a notevoli profondità. Sta adagiato sul in attesa delle prede che attira col movimento dei suoi filamenti liberi della testa. Si sposta anche lentamente aiutandosi con movimenti delle pinne ventrali e delle pettorali. In genere abita i fondi fangosi fino a 400 metri di profondità, ma si trova anche vicino alla costa tra le praterie erbose e talvolta sale anche alla superficie.
La femmina nei primi mesi invernali depone le uova che sono a agglutinate in un lungo nastro gelatinoso galleggiante. Le larve sono caratterizzate da lunghe spine e quando gli stadi giovanili raggiungono i 5/6 cm di lunghezza abbandonano l'ambiente pelagico per dirigersi sul fondo. Si nutre prevalentemente di pesci, pleuronettiformi, gadidi e clupeidi. Viene catturata dalle reti a strascico, ma abbocca facilmente alle lenze e ai parangali di fondo. La sua carne bianchissima e soda, dal lieve sapore di aragosta e nota col nome di «Code di rospo» ed è molto buona. Puo' raggiungere oltre un metro e mezzo di lunghezza e sopra i 30 Kg in peso.
Nel Mediterraneo è nota fino alle coste d'Israele e anche nel Mar Nero.
Home
Back
Print
Send
Adv
 
Adv