Benvenuto!
Adv
 
Razza monaca
Nome scientifico:  Raja oxyrhynchus
Razza monaca
Ord. RAIFORMI
Fam. Rajidae
Gen. Raja
 
Il disco presenta i margini anteriori concavi e convergenti in alto al centro in un rostro lungo, appuntito e stretto.
Le pinne pettorali hanno i margini abbastanza acuti.
La pelle è superiormente liscia ad eccezione della presenza di una spina preorbitale. 
Con la crescita, l'estremità del muso e il margine anteriore del disco divengono spinulosi e così pure le orbite oculari. Negli esemplari grossi, la spinulosità si estende a quasi tutta la superficie dorsale. Presenti 3-4 serie di spine alari. Lungo la coda, in posizione laterale, esistono negli adulti, altre spine, spaziate irregolarmente, lunghe e appuntite e che possono essere dritte o ricurve, sia in avanti che indietro. Il lato ventrale del disco è più ruvido e spinuloso di quello dorsale.
Tutta la superficie è coperta di pori nerastri che rappresentano il foro di uscita di canali mucosi. La bocca è piccola e arcuata con mascelle munite di denti più o meno appuntiti, disposti in serie verticali (35-42 in quella superiore).
Nei maschi i denti centrali di ambedue le mascelle hanno una base allargata su cui sorge una punta lunga, acuta e uncinata, volta verso l'interno. I denti laterali, nei maschi posseggono una punta centrale brevissima e nelle femmine sono del tutto piani e mozzati. Nei giovani di ambo i sessi, tutti i denti sono sempre lisci e senza punte.
La colorazione nei giovani è bruno caffè-latte uniforme, con macchie circolari biancastre. Con l'età la colorazione si scurisce fino a grigio fumo, mentre le macchie chiare tendono a confondersi col fondo e ne appaiono altre scure. Il lato ventrale è brunastro e grigiastro con striature e macchie nere, e si scurisce negli adulti. Frequenta fondali anche di oltre 900m. Femmine mature si sono trovate da febbraio ad aprile. La capsula ovarica, di consistenza legnosa, è di colore castagno scuro, con i margini laterali espansi.
E' carnivora come tutte le congeneri. Si cattura con reti a strascico e palangresi d'alto fondo. Raggiunge un metro e mezzo di lunghezza dalla punta del muso a quella della coda
In Italia è più o meno ovunque, non comune e sempre a grande profondità.
Home
Back
Print
Send
Adv
 
Adv