Benvenuto!
Adv
 
Re di aringhe
Nome scientifico:  Regalecus glesne
Re di aringhe
Ord. LAMPRIDIFORMI
Fam. Regalecidae
Gen. Regalecus
 
Questa specie raggiunge dimensioni enormi, oltre i sette metri di lunghezza e un peso di alcuni quintali. Si tratta del leggendario serpente di mare?
Ha corpo nastriforme, molto allungato e compresso lateralmente, piuttosto fragile e soggetto a spezzarsi quando viene catturato. La pelle è coperta da tubercoletti granulosi, più accentuati ed evidenti nella regione ventrale e codale. Nella linea laterali presenti scudeti lisci. La testa è molto corta rispetto alla lunghezza del corpo e ha muso rincagnato con profilo anteriore obliquo, bocca protrattile, con una sola serie di denti finissimi su ogni mascella nei giovani, che scompaiono negli adulti. L'occhio è circolare e relativamente grande.
La pinna dorsale ha i primi raggi molto allungati come un pennacchio e percorre tutto il corpo degradando in altezza fino al peduncolo codale. L'anale manca e la codale con l'età si atrofizza o viene mutilata (nei giovani è compost ada 3-4 raggi divisi e lunghi). Le pettorali sono piccole, corte e inserite orizzontalmente, le ventrali sono ridotte a un unico filamento lungo con un'appendice terminale a foglia e, nei giovani, munito anche di appendici laterali.
Il colore del corpo è argenteo brunito con piccole barre oblique nerastre (negli adulti), pinne rosso scarlatto.
E' una specie batipelagica rara e carnivora che si trova tra la superficie e i 3000 m di profondità. Uova, larve e stadi giovanili si trovano nel plancton superficiale dello Stretto di Messina da luglio a dicembre. Si cattura occasionalmente in profondità con reti pelagiche trainate o con palangresi e in superficie con fiocine o reti di circuizione. Puo' superare i 7 m di lunghezza
Segnalata nel golfo di Genova, a Napoli e in Sicilia. E' stata citata anche per l'Adriatico.
Home
Back
Print
Send
Adv
 
Adv