Go to Home "operagastro". Esplora l'azienda.
Esplora l'azienda.
Esplora l'azienda.
Esplora l'azienda.
Esplora l'azienda.
Tordo pavone
Nome scientifico: Crenilabrus tinca
Ord. PERCIFORMI
Fam. Labridae
Gen. Crenilabrus
E' il più grosso dei congeneri nel Mediterraneo. Ha il corpo ovale, compresso lateralmente e ricoperto di squame grandi (34-35 sulla linea laterale, la quale è parallela al profilo del dorso, dall''angolo superiore dell'apertura opercolare alla linea mediana del peduncolo codale).
L'occhio è piccolo e situato indietro e abbastanza in alto. Il muso è lungo e la bocca, piccola, è protrattile e fornita di labbra grosse e carnose con delle pieghe molto evidenti all'angolo.
I denti sono nascosti dal tessuto gengivale e dalle labbra e sono da 8 a 10 nella mascella superiore e 14-20-24 in quella inferiore. Il  bordo posteriore del preopercolo è dentellato negli esemplare piu piccoli.
Nello spazio sottorbitario si contano cinque serie caratteristiche di squame. Intorno alle orbite ha una serie di pori mucosi abbastanza visibili.
La pinna dorsale è unica con la parte anteriore più bassa, più lunga e sorretta da raggi spinosi. La metà postoriore della dorsale è più breve e più alta ed è formata da raggi molli. La codale è spatolata, col bordo posteriore arrotondato a quelli superiore e inferiore rettilinei Le pettorali arrotondate si inseriscono obliquamente subito dietro l'opercolo e le ventrali sono inserite poco all'indietro di esse.

La colorazione è variabile e vivace nei maschi. Le femmine sono meno appariscenti. La colorazione di fondo e giallo-olivastra, che nel periodo degli amori diventa brillante. Sul fondo spiccano delle fasce verticali più scure. Una macchia diffusa nero violacea è presente al disopra delle pettorali ed una più piccola si nota sul peduncolo codale, appena sopra la linea laterale.
Frequenta le acque costiere poco profonde di ambiente roccioso o in praterie di posidonia. La riproduzione avviene tra aprile e maggio e le uova sferiche vengono fatte aderire alle foglie delle posidonie o di altri corpi sommersi.
Si nutre prevalentemente di Ofiure, Echinidi, Molluschi (Bivalvi, Gastropodi e Anfineuri) Crostacei (Decapodi, Anfipodi) e Anellidi. Si pesca con gangamelle o con nasse e tramagli. Abbocca alle lenze. Le dimensioni superano i 30 cm, ma le femmine non superano i 25 cm.
E' caratteristica del Medíterraneo.  Comune su parecchie aree delle coste italiane (Lazio, Campania, Sardegna, Veneto, Sicilia)

Esplora l'azienda.
Esplora l'azienda.
Esplora l'azienda.
Esplora l'azienda.
Go to home "GioSa".