Go to Home "operagastro". Esplora l'azienda.
Prodotti e Produttori

Viola mammola - Viola odorata

Habitat: boschi e siepi dal piano al monte.

Le parti usate per medicina sono i fiori, le foglie, i semi e le radici. I fiori contengono una sostanza chiamata "violina" che ha delle proprietà emollienti, pettorali, sudorifere e leggermente diuretiche. Nei catarri cronici, nelle angine, nelle bronchiti acute, nelle infiammazioni dei reni e della vescica, si usa il tè di violetta, preparato mettendo un buon cucchiaio di fiori in un litro di acqua bollente. Si lascia riposare un quarto d'ora, si cola, e se ne bevono tre tazzine al giorno. Ottimo questo tè anche per gargarismi in caso di infiammazione delle vie respiratorie.
Una medicina più completa, che serve alla cura dell'asma bronchiale dei bambini, o per alleviare l'arsura di chi è colpito da morbillo o scarlattina, o per calmare la tosse, favorendo l'espulsione del catarro o una buona sudata, è lo sciroppo di violette. Si prepara facendo macerare per dodici ore in un bicchiere di acqua bollente cinquanta grammi di violette; si filtra e si aggiungono tre etti di zucchero, si mette a bollire il tutto finché lo zucchero sia completamente disciolto. Si lascia raffreddare e si conserva in un vaso a chiusura ermetica. Al momento dell'occorrenza,si fanno bollire cinque grammi di radici di violetta in tre bicchieri d'acqua, finché quest'ultima sarà ridotta della metà. Si cola e vi si aggiunge mezzo etto dello sciroppo sopra descritto. Questo quantitativo sarà somministrato al paziente a cucchiai per due giornate consecutive. Qualora si rendesse necessario vuotare completamente lo stomaco, serve allo scopo il decotto di radici di violetta, preparato bollendo venti grammi di radici in tre bicchieri d'acqua finché questa sia ridotta a metà. La pozione così ottenuta va bevuta completamente: gli effetti vomitivi saranno sicuri ed efficaci.
Le foglie, invece, messe a macerare in acqua bollente, servono a preparare degli impiastri caldi, che vanno cambiati più volte al giorno, da applicare sulle dolorose ragadi del seno. Anche con i semi si ottiene un prezioso decotto, molto utile per l'eliminazione dei calcoli alla vescica. Si prepara con venti grammi di semi per ogni litro d'acqua e si persevererà nella cura per diverse settimane.

Indietro
Mercaffari
Condizioni d'uso del sito
Scrivimi