Benvenuto!
Adv
Caratteristiche degli alimenti > Acque minerali

 

L'acqua minerale è un acqua dotata di proprietà farmacologiche e utilizzbile in terapia, oppure per il potere tampone svolto dai sali minerali che essa contiene, o per la presenza di tracce di metalli rari, difficilmente reperibili negli alimenti comuni.
Le acque minerali si distinguono in acque oligominerali, scarsissime di minerali (con residuo secco a 180° non superiore a g 0,20 per litro); acque mediominerali (con residuo secco a 180° compreso tra g 0,20 e 1,00 per litro); acque minerali propriamente dette (con residuo secco a 180° superiore a g 1,00 per litro).
La dederminazione del residuo secco è necessaria per stabilire la potabilità dell'acqua (acqua potabile) ed è eseguita a 110° C. Tutte le acque oligominerali sono da considerarsi potabili; mentre per quanto riguarda le acque mediominerali, sono potabili solo quelle che non superano il limite di 1 g di residuo secco per litro, a 110° C. Tutte le acque minerali propriamente dette non sono quindi potabili perchè il loro contenuto minerale è tale da fare assumere proprietà esclusivamente farmacologiche a questo tipo di acqua.
Le acque minerali ad uso terapeutico sono divise, in base alla loro azione in:
Acque salse, solfuree, arsenicali, ferruginose, bicarbonate solfate. Tutte queste acque non sono da considerarsi acque da tavola. Sono acque da tavola, anche se non assolutamente prive di azione farmacologica, tutte le acque oligominerali ed alcune delle acque mediominerali. Sono rapidamente assorbite dal tubo digerente e altrettanto rapidamente eliminate soprattutto attraverso i reni, provocando un aumento della diuresi, per questo motivo sono controindicate nella nefrite, nella tubercolosi renale, nelle insufficinenze cardiache, nell'ipertensione arteriosa e nella cirrosi epatica.
Appartengono al gruppo delle acque oligominerali: l'acqua di Fiuggi, Fonte Napoleone, levissima, Lora di Recoaro, Nocera Umbra, Olimpia, Sassovivo, Sorgente Panna.
Fanno parte del gruppo mediominerali l'acqua Silia, Roveta, Cerelia, Claudia, della Madonna di Nepi, Egeria, Fonte Ausonia, Generosa, Longarina, Monticchio, Pliniana, Tolentino.
Tra le minerali propriamente dette, non da tavola, sono compresei alcuni tipi di acqua largamente usati, come l'acqua Sangemini e l'acqua Fonti di Uliveto.
Alcune acque, in particolare quelle mediominerali, sono addizionate ad anidride carbonica per renderle frizzanti (bevanda gassata). Quando la gassatura artificiale è praticata su acque oligominerali, queste divengono di difficile digestione, perchè l'acidità dell'anidride carbonica usata per gassarle non è neutralizzata dai bicarbonati; in quanto questo tipo di acque sono povere di bicarbonati, come sono altrettanto povere degli altri sali minerali.
Tutte le acque: oligominerali, mediominerali e minerali non hanno potere calorico. La gassatura non arricchisce in nessun modo l'acqua di altri nutrienti, anche le acque gassate non hanno alcun potere calorico.
Non esiste alcun tipo di acqua che faccia ingrassare.
Home
Back
Print
Send
Adv
Adv