Benvenuto!
Adv

CORNIOLO Cornus mas Fam.: Cornaceae

Il nome volgare di questa pianta è diminutivo di corno, forse a causa del legno ~ molto duro.
Il Corniolo è diffuso nell’Europa centro-orientale e meridionale ed in Asia occidentale. In Italia cresce soprattutto nelle regioni settentrionali e centrali, dalla pianura sin verso i 1500 m d’altitudine; è specie termofila con predilezione per ~ i terreni calcarei.
È un arbusto caducifoglio, o piccolo albero, alto sino a 6 metri; i rami hanno corteccia verdastra con toni rosso-bruni nella parte esposta al sole. Le foglie sono inserite opposte ai nodi dei rami, la lamina è ovoidale acuminata con nervature parallele convergenti all’apice, il margine è intero e leggermente ondulato.
I fiori sono riuniti in piccole ombrelle inserite lungo i rami, la corolla è composta da quattro petali gialli acuminati; è pianta ermafrodita, fiorisce in gennaio-aprile, I fiori, precoci, appaiono prima delle foglie.
I frutti sono lucide drupe elissoidali, lunghe circa 1,5 cm, dapprima verde-giallo, in seguito arancio-rosso e infine rosso cupo, contengono un unico nocciolo; l’epoca di fruttificazione è settembre-ottobre.

  Impieghi:

I frutti, di sapore acidulo, possono essere consumati freschi (solo quando il colore è rosso cupo, altrimenti sono assai aspri), ma soprattutto si utilizzano per preparare marmellate ad azione blandamente astringente e per ottenere gelatine, succhi e salse. L’infuso di corniole nella grappa dà un liquore simile alla Slivovitza. Anticamente i frutti erano canditi nel miele ed anche conservati in salamoia come le olive.
La corteccia, che si utilizza in decotto o in tintura vinosa, contiene principi attivi con proprietà astringenti e febbbrifughe.
Il legno ha alburno chiaro e durame rossastro durissimo e resistente; si presta ottimamente per lavori al tornio.

Home
Back
Print
Send
Adv
Adv