Go to Home "operagastro". Esplora l'azienda.
Prodotti e Produttori
Coriandolo (Coriandrum sativum L.)
Coriandolo

Classificazione botanica, origine e diffusione
Famiglia: Ombrelliferae
Specie: Coriandrum sativum L.

Pianta erbacea annuale originaria delle regioni mediterranee del sud-ovest. In Italia è coltivata e di rado naturalizzata.

Caratteristiche morfologiche

Presenta fusti eretti, ramificati, alti fino a 50 cm. Le foglie alterne e 2-3 pennatosette, presentano la lamina divisa in lacinie filiformi. Le infiorescenze sono delle ombrelle a 4-6 raggi che portano piccoli fiori bianco-rosati. Il frutto (chiamato comunemente seme) è un achenio subgloboso.

Coltivazione
Seminare in primavera direttamente all'aperto, in zona soleggiata e su terreno fertile e sciolto. Diradare se le piantine sono troppo fitte.

Raccolta e conservazione
Estirpare le piante quando i frutti sono quasi maturi. Appenderle in luogo fresco. Quando sono secche, batterle delicatamente e raccogliere i frutticcini essiccati.

Uso in cucina e proprietà terapeutiche
In cucina i semi si abbinano con cavoli, crauti, legumi, pesce, agnello maiale, nelle mele al forno. Ideali per profumare i funghi e le verdure sott'aceto.
Proprietà terapeutiche: antispasmodiche, carminative, antisettiche, aperitive, digestive.

Indietro
Mercaffari
Condizioni d'uso del sito
Scrivimi