Go to Home "operagastro". Esplora l'azienda.
Prodotti e Produttori
Finocchio selvatico (Foeniculum vulgare Mill.)
Finocchio selvatico

Classificazione botanica, origine e diffusione
Famiglia: Ombrelliferae
Specie: Foeniculum vulgare Mill.

Pianta erbacea perenne originaria delle regioni mediterranee. In Italia è diffusa particolarmente lungo le zone costiere, dal piano ai 1.000 metri.

Caratteristiche morfologiche
Pianta erbacea perenne, a volte biennale, rizomatosa, con fusti eretti, ramificati, alti fino a 150 cm. Le foglie sono 3-4 pennatosette, divise in lacinie quasi capillari. I fiori gialli sono riuniti in ampie ombrelle. Il frutto è un achenio molto aromatico.

Coltivazione
Viene seminato in terra piena, su terreno fertile e privo di ristagni idrici, usando semente fresca. In vaso non può essere coltivato perché necessita di molto spazio. Le piante adulte possono essere riprodotte anche per divisione dei cespi, in primavera. Esistono varietà particolarmente decorative e ugualmente aromatiche.

Raccolta e conservazione
Asportare le foglie e utilizzarle fresche. Tagliare le ombrelle quando i frutti sono quasi maturi e farle essiccare all'ombra. Batterle poi delicatamente per raccogliere i frutti maturi.

Uso in cucina e proprietà terapeutiche
In cucina i frutti (detti semi) si abbinano con pasta alle sarde, porchetta e tutte le carni grasse.
I giovani getti e le foglie fresche sono indicate per aromatizzare insalate, piatti di pesce, salse e aceti aromatici.
Proprietà terapeutiche: depurative, tonico-aperitive, carminative, antispasmodiche.

Indietro
Mercaffari
Condizioni d'uso del sito
Scrivimi