Go to Home "operagastro". Esplora l'azienda.
Prodotti e Produttori
Sedano (Apium graveolens L.)
Sedano

Classificazione botanica, origine e diffusione
Famiglia: Ombrelliferae
Specie: Apium graveolens L.

Pianta molto comune in tutti gli orti e molto coltivata.

Caratteristiche morfologiche
Pianta erbacea biennale o perenne. I fusti angolosi possono raggiungere il metro di altezza. Le foglie sono pennate, divise in segmenti ovato-lobati, seghettate al margine. I fiori sono bianchi e riuniti in ombrelle a 6-12 raggi. Il frutto (detto seme) è formato da due acheni con costole verticali.

Coltivazione
Come coltura orticola il sedano si semina in semenzaio impiegando 1-2 g di seme per m quadrato anche a fine gennaio in serra riscaldata o letto caldo per poter disporre delle piantine pronte per il trapianto alla fine di aprile e conseguire produzioni utili già al mese di giugno. A giugno-luglio si trapiantano i sedani a produzione invernale.
Il trapianto può essere fatto a mano o con trapiantatrici meccaniche (in coltura specializzata 70 cm tra le file e 25-30 tra le piante). Deve essere subito irrigato. Necessita di diserbo, concimazioni di copertura (oltre a quella organica e minerale effettuata nell'autunno precedente) e ripetute irrigazioni.
Quando le piante hanno raggiunto uno sviluppo sufficiente si procede all'imbianchimento, rincalzando le piante e legando le foglie a 3/4 della loro altezza. Si pongono poi ai lati delle piante delle tavole sostenute da picchetti per completare l'imbianchimento. Nelle ragioni fredde tale operazione si compie in apposite fosse.
Molte sono le varietà coltivate; tra queste: Verga a canna piena, Verga d'oro, Sedano di Trevi, Resistente Pascal.

Raccolta e conservazione
Le foglie e gli steli possono essere raccolti durante tutta la stagione vegetativa e consumati freschi o surgelati (tagliati a pezzetti e posti in sacchetti).
Per raccogliere i frutti, la parte apicale deve essere tagliata quando sono quasi maturi: battere con delicatezza le infruttescenze per raccogliere i semi. Le radici vanno estirpate in autunno.

Uso in cucina e proprietà terapeutiche
Le foglie e gli steli vengono ampiamente impiegati nella preparazione di minestre e carni. Possono essere consumati anche freschi, aggiunti alle insalate miste.
Proprietà terapeutiche: aperitive, digestive, diuretiche, carminative.

Indietro
Mercaffari
Condizioni d'uso del sito
Scrivimi