Benvenuto!
Adv
Arancio
Anatra ai fiori d'arancio

Inzuppare bene un pugno di mollica di pane nel liquore di arancia, unirlo a 200 grammi di fiori d'arancio e a 2 cucchiaini di bucce d'arancia tagliate a pezzettini minutissimi. Aggiungere 6 mandorle pelate. A parte far stufare il fegatino dell'anatra insieme a 5 o 6 cipolline dolci. Una volta cotto tritarlo e unirlo al composto. Salare e pepare. Inserire 3/4 di questa preparazione all'interno dell'anatra. Il resto si aggiungera' in ultimo al sugo di cottura. In una teglia far rosolare con olio e burro l'anatra. Spruzzarla di succo d'arancia, di liquore d'arancia e cospargere di zucchero (1 cucchiaio). Mettere in forno a 200° la teglia, coperta, e cuocere per un'ora circa. Al momento di portare in tavola decorare con fiori.

Liquore delizioso ai fiori d'arancio

Raccogliere, in primavera, quando gli aranci sono in piena fioritura, 150 grammi di questi profumatissimi fiori e metterli a macerare in un capace recipiente di vetro a chiusura ermetica, coperti da un litro di alcol a 90°. Chiudere e lasciar riposare due settimane in luogo fresco, asciutto e buio. Trascorso questo tempo filtrare attraverso una garza. Preparare uno sciroppo con 400 grammi di zucchero e 1/2 litro d'acqua, mettendo sul fuoco e mescolando finchè lo zucchero si sara' completamente sciolto. Far raffreddare e poi unirlo all'alcol aromatizzato. Lasciar riposare ancora qualche giorno. Filtrare ancora una volta e imbottiglia

Il liquore del giardino

Mettere in un grosso recipiente di vetro con chiusura ermetica, un litro di buon brandy o di grappa, secondo i gusti personali. Unire 170 grammi di petali di rose rosse profumate, 170 grammi di violette, 170 grammi di petali di garofano, 170 grammi di petali di robinia, 170 grammi di fiori d'arancio e 100 grammi di fiori di gelsomino, la buccia (solo la parte gialla) di un arancio o di un limone non trattato, 2 o 3 chiodi di garofano, un cucchiaino di zucchero di canna. Tenere il vaso in luogo assolato o caldo per un mese, scuotendolo di tanto in tanto. Trascorso tale periodo filtrare il liquido attraverso una garza. Assaggiare e aggiungere zucchero o liquore a seconda che si desideri un sapore più o meno dolce e poi imbottigliare. Questo liquore può essere servito a fine pasto oppure si può versare sul gelato.

Home
Back
Print
Send
Adv
 
Adv