Go to Home "operagastro". Esplora l'azienda.
Prodotti e Produttori
Muscoli ripieni
...ingredienti:
1 chilo di muscoli spezzini, 100 grammi di mortadella, 150 grammi di bietole, la mollica di un panino, uno spicchio d'aglio, una cipolla, 3 cucchiai di parmigiano grattugiato, 2 uova, 4 pomodori freschi, un ciuffo di prezzemolo, un rametto di timo, qualche fogliolina di maggiorana, mezzo bicchiere di vino bianco secco, 4 cucchiai di olio extravergine d'oliva, sale e pepe.
...procedimento:
raschiate e lavate i muscoli sotto l'acqua corrente. Apritene circa i due terzi con un coltellino facendo attenzione a non staccare troppo le valve. Mettete i muscoli restanti in un tegame facendoli aprire a fiamma viva.
Togliete i frutti di mare dai gusci e filtrate l'acqua che andrà messa sulla mollica di pane per ammorbidirla e aromatizzarla. Mettete a cuocere le bietole ben lavate con la sola acqua di vegetazione per 2 minuti e scolatele. Strizzate le bietole e la mollica e uniteli in una terrina con i muscoli prima estratti, la mortadella, il formaggio grattugiato, un po' di prezzemolo tritato, timo, maggiorana, sale e pepe. Unite al composto le uova amalgamando bene e farcite delicatamente i muscoli.
In una casseruola, possibilmente di coccio a bordi alti, rosolare nell'olio la cipolla tritata e l'aglio intero che poi va eliminato. Bagnate col vino e sfumate a fuoco medio. Aggiungete i pomodori privati dai semi e tagliati a pezzi, mescolate alzando la fiamma e proseguite la cottura per 15 minuti col coperchio.
Levate la padella dal fuoco, cospargete col prezzemolo rimasto e aggiungete i ripieni. Rimettete a cuocere per altri 20 minuti aggiustando di sale e pepe.
...osservazioni:
Così sono chiamate in Liguria le cozze. Questi mitili sono presenti per tradizione soprattutto nella cucina del levante perché vengono allevati dal 1887 in numerosi vivai nel golfo spezzino dove trovano un habitat ideale per la ricchezza di plancton, la tranquillità delle acque e la scarsità di sale.
La stagione migliore per gustarli va da aprile a novembre perché sono più pieni e più gustosi.
Immancabili in un menu costiero, si possono mangiare crudi, fritti, nel sugo e in zuppa.
La ricetta che vi proponiamo è un saporito secondo estivo che necessita di mezz'ora per la preparazione e di 45 minuti di cottura.
Indietro
Mercaffari
Condizioni d'uso del sito
Scrivimi